Immigrazione clandestina, la base a Ventimiglia: 10 misure cautelari e perquisizioni anche a Sanremo e Albenga

4' di lettura 27/10/2022 - I Finanzieri del Comando Provinciale di Imperia, al termine di indagini coordinate dalla Direzione Distrettuale Antimafia e Antiterrorismo di Genova, stanno eseguendo a Ventimiglia, Sanremo ed Albenga, 9 ordinanze di custodia cautelare in carcere e 1 ordinanza di divieto di dimora in provincia di Imperia, emesse dal Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Genova, nei confronti di 5 tunisini e 2 marocchini appartenenti ad una organizzazione criminale dedita al favoreggiamento dell’immigrazione clandestina, nonché di 3 complici (2 tunisini e 1 egiziano).

Le misure restrittive personali sono da inquadrarsi nell’Operazione “TALOS”, condotta dalla Compagnia di Ventimiglia tra il 2021 e il 2022, con l’assistenza tecnica del Servizio Centrale di Investigazione sulla Criminalità Organizzata (SCICO) della Guardia di Finanza, con sede a Roma.

Il sodalizio investigato, con base a Ventimiglia e capeggiato da un tunisino dimorante a Sanremo, era sistematicamente impegnato nel trasferimento di immigrati clandestini o irregolari presenti in Italia, provenienti per lo più dal Nord-Africa, i quali, quasi sempre prima di giungere a Ventimiglia, si rivolgevano ai membri dell’associazione criminale per ottenere illegalmente, previo pagamento di una “tariffa” compresa tra 150 e 300 euro, l’attraversamento della frontiera italo-francese. A tale scopo l’organizzazione utilizzava sia l’autostrada che i sentieri montani che si dipanano dalla zona di Grimaldi Superiore a Ventimiglia, tra i quali il noto “passo della morte”.

Il passaggio della frontiera attraverso i sentieri di montagna era il più economico (150/200 euro a persona) ma anche il più pericoloso e con maggiori probabilità di essere “intercettati” dalla Polizia francese: i migranti, tra i quali bambini e anziani, venivano fatti transitare lungo sentieri impervi, talvolta a ridosso di profondi precipizi, anche in tempo di notte.

Un’altra via utilizzata per attraversare a piedi la frontiera era costituita dal sedime autostradale nell’ultimo tratto italiano, reso accessibile da varchi ricavati nella recinzione lungo le corsie di marcia, che veniva percorso dai migranti per diverse centinaia di metri, nei pressi del confine di Stato, per poi raggiungere il territorio francese.

Il transito tramite autovetture o camion, che avveniva sempre nottetempo, garantiva maggiori probabilità di successo ed era per tale motivo più oneroso (250/300 euro a persona). Poteva concretizzarsi secondo diverse modalità: in alcuni casi, i clandestini (da 2 a 7/8 persone) venivano caricati in autovetture o furgoni nell’abitato di Ventimiglia, per attraversare poi a forte velocità la barriera autostradale posta nei pressi del confine di Stato. Nell’arco della stessa nottata venivano spesso effettuati più viaggi.

In altri casi, come ricostruito grazie alle indagini, i migranti venivano raccolti contemporaneamente da diversi sodali in più gruppi di 4/5 persone (per un totale di circa 20 persone) che separatamente, per dare meno nell’occhio, venivano accompagnati, utilizzando il treno, dalla Stazione di Ventimiglia a quella di Ceriale (SV), da dove venivano condotti, sia a piedi che in auto, nei pressi dell’area di Servizio “Piccaro Nord” o di piazzole di sosta non lontane. Da qui il gruppo, per la maggior parte dei casi all’insaputa dell’autista, veniva aiutato a nascondersi nel vano rimorchio di camion che si ritenevano diretti in Francia. In un caso, un autista italiano, poi arrestato dalla Polizia francese grazie alla collaborazione fornita dal Centro di Cooperazione di Polizia e Dogana (C.C.P.D.), si rendeva complice del sodalizio, in cambio di un compenso in denaro, trasportando in Francia ben 23 migranti, tra cui donne e bambini, ammassati nel rimorchio in condizioni degradanti.

Nel corso delle investigazioni è stato possibile ricostruire compiutamente l’organizzazione e l’esecuzione di ben 35 illeciti attraversamenti della frontiera. Ad ogni modo, le indagini hanno consentito prudenzialmente di stimare che il sodalizio abbia illegalmente trasferito nel periodo sottoposto ad indagini tecniche (giugno 2021 – gennaio 2022) centinaia di clandestini, lucrando profitti illeciti per circa 150.000 euro. Indifferentemente dalla tipologia di accompagnamento scelta, il pagamento del corrispettivo doveva essere anticipato al primo incontro, o direttamente dal clandestino o da suoi familiari, anche utilizzando sistemi di money transfer.

La Procura della Repubblica di Genova, ai sensi del D.lgs. 188/2021, ha autorizzato la diffusione del presente comunicato, trattandosi di attività di indagine di rilevante interesse pubblico, concernendo la repressione di gravi reati associativi e/o inerenti il favoreggiamento dell’immigrazione clandestina.

Si evidenzia che il procedimento penale è in fase di indagini preliminari e che, per il principio di presunzione di innocenza, la responsabilità delle persone sottoposte ad indagini sarà definitivamente accertata solo ove intervenga sentenza irrevocabile di condanna.

È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite Facebook e Telegram di Vivere Imperia .
Per Facebook Clicca QUI per trovare la pagina.
Per Telegram cerca il canale @vivereimperia o Clicca QUI.





Questo è un articolo pubblicato il 27-10-2022 alle 15:52 sul giornale del 28 ottobre 2022 - 10 letture

In questo articolo si parla di cronaca, milano, lombardia, articolo, niccolò staccioli

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/dyMS





logoEV